“Il Giardino Segreto” di Frances Hodgson Burnett

Il Giardino Segreto di Frances Hodgson Burnett 

Oggi vi parlo di un libro prestatomi dalla mia amica Valentina; quando le ho detto che mi sarebbe piaciuto parlare, nella sezione del blog “Storia & Letteratura”, anche di libri ed autori originari delle isole britanniche. Si è ricordata di avere questo libro letto in tenera età ed ho inziato la lettura anche io.

15165478581047-TW_il_giardino_segreto

Trama e riflessioni

Il libro racconta la storia di Mary, bambina aristocratica che vive in India ma non vede mai i suoi genitori perché era arrivata nelle loro vite nonostante la madre non la volesse. Vive quindi a contatto con la servitù e non sa cosa significhi essere gentile ed educata con il prossimo. Questo finché, per forza maggiore, dovrà andare a vivere a casa di suo zio e tutore nello Yorkshire, in Inghilterra. Qui scoprirà cosa significa l’amicizia, la forza di volontà, la bellezza delle piccole cose, l’umiltà delle persone più povere ma ricche d’amore e la libertà che regala il contatto con la natura nella sua forma più semplice.

Il viaggio che Mary intraprende non è dall’India all’Inghilterra ma quello della sua crescita, della scoperta del mondo che la circonda e di se stessa. La scrittrice, Frances Hodgson Burnett, colloca questa storia nella fine dell’Ottocento, periodo in cui l’Inghilterra si stava espandendo velocemente sia sotto l’aspetto politico che economico anche grazie allo sfruttamento di alcune sue colonie, come appunto l’India.

north-yorkshire-moors-2430756_960_720
Yorkshire – Pixabay

Questo libro, nonostante possa risultare indicato per un pubblico di giovani ragazzi, è un ottimo spunto per ricordare alle persone di tutte le età di cercare la bellezza nelle piccole cose di ogni giorno perché spesso, avidi, cerchiamo di avere e fare sempre di più dimenticandoci persino di noi stessi. Vi lascio con un passaggio del libro che ho adorato:

” Una delle cose strane della vita di questo mondo è che solo qualche volta uno si sente veramente contento di vivere. Succede, per esempio, se ti alzi presto una mattina e assisti a quel meraviglioso, indescrivibile spettacolo che sono l’alba e il sorgere del sole. Se in un momento così si riesce a dimenticare tutto e a guardare solo il cielo che da pallido va prendendo colore, il misterioso spettacolo ti prende alla gola e ti fa commuovere davanti a tanta bellezza che pur si ripete ogni giorno da migliaia di migliaia di migliaia di anni e ti senti felice di poter assistere. “

Storia dell’autrice ed i giardini inglesi che l’hanno ispirata

L’autrice Frances Hodgson Burnett nasce a Manchester nel 1849 ed è famosa per aver scritto libri per ragazzi, alcuni suoi titoli più conosciuti sono anche “la Piccola principessa” ed “Il piccolo Lord”. Nel 1864 si trasferì in America con la madre, il padre era appena morto e accettarono un’offerta di aiuto da un parente che si rivelò una fregatura. A 18 anni, per incrementare le entrate ed essere d’aiuto in famiglia, si mise a scrivere e presto il suo primo romanzo divenne molto conosciuto. Tornò a vivere in Inghilterra ma nel 1909 decise di rientrare negli Stati Uniti e diventare cittadina Americana. “Il giardino segreto” è il suo romanzo più famoso ed è ambientato, come dicevo, nello Yorkshire ma pare si sia ispirata al Giardino Maytham Hall per descrivere quello di cui si parla nel libro.

Immagine
Dal sito della Maytham Hall

Leggi anche: “Cinque libri per scoprire l’Irlanda”

La grande villa si trova vicino a Rolvenden, nel Kent, dove l’autrice visse dal 1898 al 1907 girovagando nei suoi giardini e dedicandosi essa stessa al giardinaggio che adorava e trovava terapeutico. Durante la sua permanenza trovò una porta segreta che portava ad un giardino dall’aspetto trascurato, decise di prendersene cura e di piantarci delle rose; proprio come poi fece fare alla protagonista del suo romanzo.

Voi avete letto il romanzo o visitato alcune zone citate nell’articolo?

40 risposte a "“Il Giardino Segreto” di Frances Hodgson Burnett"

Add yours

  1. È un libro stupendo. Uno dei miei amori di bambina. L’ho recentemente regalato anche a mia nipote e le piace molto. Ed è una gran bella lettura anche per gli adulti! Ottima scelta.

      1. Leggendolo capirai perché è il mio preferito. E lo era anche quando ero bambina. Adoravo il cartone animato che avevano creato ispirato a questo libro.

  2. Rileggo con piacere questo articolo perché da qualche mese sto prendendo tanti spunti dai viaggi letterari: non solo quelli “sulle orme” di un autore, ma anche quelli che permettono di visitare i posti che hanno ispirato o dove è stato ambientato un libro. E ora mi hai anche fatto venire in mente che una bella versione rilegata di questo libro potrebbe essere un’idea per farmi un bel regalo di Natale!

  3. Che tu ci creda o no, è sempre stato uno dei miei libri preferiti fin da quando ero una bambina 🙂 Adoro i personaggi, l’ambientazione, il messaggio che veicola… insomma, lo adoro punto!

  4. Ho letto Il Piccolo Lord che ero una bambina. Mia madre mi portava spesso in libreria a scegliere dei libri per ragazzi e io finivo sempre per buttarmi sulla collana dei Libri “educativi”. Così ho letto tutto il ciclo di Piccole Donne, Pattini d’Argento, Il Piccolo Lord. Forse ho letto anche questo, chissà… E’ passato troppo tempo per ricordarli tutti. E se dico troppo tempo, sappi che è davvero tanto. 😉

  5. Ho iniziato a leggere il libro in lingua originale. Me l’hanno consigliato quando ho chiesto come potermi allenare per non perdere il mio già carente inglese. Sono arrivata a metà, perché ovviamente ere perdo tempo a capirne anche le forme grammaticali. Ma sono ottimista, arriverò alla fine!!

  6. Che ricordi che mi hai fatto tornare in mente! Io ho letto quel libro a scuola, alle elementari se non sbaglio. Oggi non credo si faccia più ma è un vero peccato perché come dici tu lancia un messaggio bellissimo, la bellezza nelle piccole cose!

  7. Molto interessante la sezione “Storia e letteratura”, amo leggere, soprattutto i classici. Ho letto questo romanzo da bambina e leggendo il tuo articolo mi è venuta voglia di rileggerlo… una storia inizialmente molto triste con un finale davvero sorprendente. Molto belli anche Il piccolo lord e La piccola principessa. Da quest’ultimo romanzo è stato tratto anche un film una decina o forse più di anni fa… l’ho rivisto ultimamente 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: